I numeri che mancano. Storie di quotidiana ricerca: il caso delle ulivete abbandonate in Italia

Officine di scientia

Il giornale di scientia Atque usus

Noterelle

L’ITALIA INVISIBILE

I numeri che mancano, storie di quotidiana ricerca. Il caso delle ulivete abbandonate in Italia

Articolo pubblicato il: 15 ottobre 2021

Di cosa parla questo articolo?

I numeri sono considerati per lo più come dati oggettivi. Il problema è che spesso mancano proprio i numeri alle nostre argomentazioni e troppe volte non disponiamo dei numeri necessari per ragionare e trovare soluzioni ai problemi più rilevanti. In questa “Noterella” si propone una breve riflessione sui numeri dell’abbandono delle ulivete in Italia, argomento di grande attualità e urgenza, ma sulle cui reali dimensioni è estremamente difficile reperire dati. Gli amministratori pubblici e le associazioni di rappresentanza agricole ne vivono e ne sentono tutta la gravità, ma le informazioni e le certezze a riguardo sono poche.

L'olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete

Elementi di conoscenza emersi dal progetto

Il ‘valore’ sociale, economico e culturale del nostro paesaggio artistico e naturale influenza immensamente l’immaginario mondiale, raccontando lo stile di vita italiano. Il progetto “L’olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete”, condotto dal Lab CfGC insieme all’Associazione Nazionale Città dell’Olio, ha individuato tre focus principali attorno a cui aggregare una community di amministratori pubblici, ricercatori, imprenditori e tanti altri portatori d’interesse:

  • contrastare l’abbandono delle ulivete;
  • ripensare l’olivicoltura sociale;
  • valorizzare la cultura dell’olio e dell’olivo.

Il primo punto è probabilmente il più problematico perché, se da una parte si tratta di una questione molto sentita – tre quarti dei referenti locali dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio coinvolti in una rilevazione curata dal Lab CfGC hanno segnalato la presenza di ulivete in stato di abbandono nei loro territori –, dall’altra è estremamente difficile trovare dati affidabili sulle dimensioni del fenomeno a livello locale e nazionale.

Il progetto in breve

L’olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete” è un progetto che mira a promuovere un nuovo modo di intendere e di praticare l’agricoltura sociale e il ruolo economico e culturale delle ulivete. È necessario fermare l’abbandono e trasformare le ulivete in ambienti produttivi, formativi e di nuova socialità.

 

Il team di progetto

 

LAB CFGC

  • Luca Toschi
  • Viola Davini
  • Marco Sbardella

 

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CITTÀ DELL’OLIO

  • Antonio Balenzano, Direttore
  • Maura Boi,  Consigliera nazionale e Coordinatrice regionale
  • Pasquale Di Lena, Fondatore
  • Nicola Malorni, Vicepresidente
  • Federica Romano, Referente di progetto
  • Michele Sonnessa, Presidente

I numeri: quali sono le dimensioni del fenomeno dell’abbandono delle ulivete in Italia? Sappiamo che il problema c’è, lo denunciano tutti, preoccupati per le ricadute che potrebbe avere sull’“immagine Italia”, ma la domanda fondamentale sembra non trovare una risposta precisa.

Esistono certamente dati di livello regionale o locale. Ad esempio la testata “Intoscana.it”, portale di informazione e approfondimento della Fondazione Sistema Toscana (Regione Toscana), nel 2016 pubblicava un articolo in cui si riferiva che allora in Toscana erano 4 milioni su 17 milioni gli ulivi lasciati inselvatichire

C’è poi il lavoro svolto, sempre in Toscana, dal Gruppo Operativo CATChCO2 LIVE in cui i ricercatori dell’Università di Firenze hanno censito le ulivete in stato di abbandono nell’area del Montalbano (situata tra le province di Firenze, Pistoia e Prato), calcolando che dal 1954 al 2013 il fenomeno abbia riguardato una superficie superiore ai 900 ettari; di questi, più di 400 potrebbero essere recuperati con benefici sia economici sia ambientali.

Rimanendo in Toscana, il Consorzio di Tutela dell’Olio Seggiano DOP ha censito e mappato lo stato di coltivazione e abbandono degli uliveti nei comuni di riferimento, realizzando una mappa interattiva in cui grazie alla georeferenziazione con l’uso di puntini colorati (verdi, gialli, arancioni e rossi) è possibile visualizzare la quantità e la distribuzione di uliveti potati, coltivati, abbandonati o diventati bosco.

La situazione diventa decisamente più problematica quando, come accennato, si prova a farsi un’idea delle dimensioni del fenomeno a livello nazionale. 

Il problema è sicuramente attuale e urgente: basti pensare che da una recente rilevazione fatta dal Lab CfGC e dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio sui referenti locali della stessa Associazione – amministratori locali sparsi su tutto il territorio nazionale – è emerso che tre quarti degli intervistati è a conoscenza di ulivete in stato di abbandono nel proprio territorio.

Questo ci ha dato soltanto un’ennesima conferma della diffusione del fenomeno, ma siamo lontani dal conoscere le sue reali dimensioni. Delusi dalla ricerca online – sono dati che se disponibili dovrebbero essere alla portata di tutti, no? –, ci siamo rivolti a ricercatori esperti della materia e alle istituzioni più autorevoli. 

In entrambi i referenti abbiamo riscontrato grande interesse e collaborazione: le persone che abbiamo contattato si sono attivate per contattarne altre a loro volta, per venire a capo della questione. Una conferma del vasto e diffuso interesse al problema, ma ancora una volta risposte parziali e insufficienti.

Dopo aver consultato direttamente o indirettamente il MIPAAF, l’ISMEA, l’ISTAT (compresi i responsabili del recente censimento generale dell’agricoltura), il CREA, l’AGEA e l’ICQRF, la sola risposta che, almeno per ora, possiamo continuare a dare alla domanda “Quanto vasta è l’area delle ulivete in stato di abbandono in Italia?” è: nessuno può dare dei numeri adeguati a capire e ad affrontare il problema. Si tratta di una di quelle ‘presenze assenze’ che – non solo in ambito agricolo – compongono un paesaggio nascosto, un’Italia invisibile.

Ma noi non vorremmo desistere dal portare avanti questa ricerca, forti della proposta di un Piano Nazionale Recupero Oliveti Abbandonati lanciata a febbraio 2021 da Michele Sonnessa (Presidente delle Città dell’Olio). Proposta ribadita in occasione di un webinar realizzato lo scorso luglio nel contesto del progetto “L’olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete”, alla presenza del Senatore Francesco Battistoni, Sottosegretario per le politiche agricole e forestali con delega alla filiera olivicola.

Considerato lo storico legame reciproco fra settore agroalimentare e turistico, le ulivete rappresentano non soltanto una risorsa del patrimonio agricolo del nostro territorio, ma anche e soprattutto di quello storico, culturale e turistico. Un paesaggio strategico che fa da scenario a tutto il made in Italy.

Il recupero colturale assume allora un ruolo strategico non solo per la valorizzazione del prodotto ‘olio’, ma anche dell’immaginario che coinvolge ogni nostra attività. Un volano di sviluppo particolarmente efficace, e non solo in quei territori caratterizzati da lunga persistenza storica delle colture tradizionali e dal mantenimento di una forte identità culturale.

Già, l’unicità del nostro paesaggio. Sarebbe importante cercare di ‘dare i numeri’ giusti circa l’immenso valore aggiunto che esso costituisce. La ricaduta che esso ha su tutto ciò che risulta essere apprezzato, amato, desiderato in quanto associabile al ‘bel paese’. Così come sarebbe fondamentale capire i numeri che le nostre belle olivete concorrono a realizzare. Numeri che traducano un generico valore in un valore di bilancio economico, sociale, culturale. Numeri da conoscere perché il sistema Italia non inizi a indebolirsi, a crettarsi.

Basti qui ricordare che i luoghi di coltura olivicola, in senso produttivo, sono molto spesso aree interne e localizzate in piccoli comuni, che vivono processi di abbandono non solo colturale ma anche urbano e socio-economico. Fenomeni che la crisi pandemica ed economica che viviamo potrebbe ulteriormente aggravare, colpendo soprattutto particolari categorie di cittadini, come le donne e i giovani (ma non solo).

Attivare iniziative di contrasto all’abbandono delle ulivete può rappresentare un’opportunità di innesco di circoli virtuosi tra dimensione sociale e produttiva, anche oltre le iniziative di Agricoltura Sociale classicamente intesa. In questo contesto, contrastare l’abbandono equivale a rigenerare una cultura millenaria, una dimensione civile e di benessere economico e ambientale che ripensi la produzione agricola e la qualità della vita come occasione di ripresa e sviluppo del Paese.

In questo scenario vasto va collocata l’urgenza di definire un Piano Nazionale Recupero Oliveti Abbandonati che aggreghi il mondo della Olivicoltura sociale, le Istituzioni e gli Enti Locali, i produttori, i lavoratori e i cittadini, ciascuno per la propria competenza. 

L’obiettivo del Piano dovrà essere ambizioso: una rinascita dell’olivicoltura nazionale, per il recupero di tutte quelle aree olivicole, abbandonate o a rischio d’abbandono, per il contrasto ai rischi idrogeologici (rimboschimento selvaggio che impedisce il drenaggio delle acque favorendo slavine) e di depauperamento storico-identitario (cancellazione di una coltura millenaria che caratterizza il paesaggio rurale del nostro Paese) e produttivo. Un recupero non solo di quantità produttiva, con nuove piantumazioni, ma anche del suolo e di una biodiversità unica al mondo e legata intimamente a specifici territori.

Se l’agricoltura e la coltivazione sono attività complesse, orientate a costruire e preservare luoghi, comunità, sistemi di relazioni ambientali e biologiche il buon governo dei paesaggi non può limitarsi alla salvaguardia estetica o alla musealizzazione fine a se stessa. 

Occorre andare oltre la custodia dei singoli “oggetti” e individuare nelle pieghe e nelle relazioni del territorio i bisogni e le opportunità per progettare i luoghi di domani rispettando l’unicità di ogni contesto

Un censimento nazionale delle ulivete in stato di abbandono è un’impresa difficile, ma non irrealizzabile. Partendo ad esempio dall’ipotesi di un confronto. Fra i dati catastali e/o i risultati del recente Censimento Generale dell’Agricoltura da una parte, e le immagini satellitari o le riprese realizzate con i droni dall’altra.

Saremo davvero felici di collaborare con tutti gli enti, le istituzioni, le associazioni, i centri di ricerca e i singoli ricercatori o cittadini che hanno interesse e bisogno di portare avanti questa ricerca. Per segnalarci documenti, report, articoli e qualsiasi altro tipo di risorsa utile o volontà di collaborazione è sufficiente scrivere una mail all’indirizzo marco.sbardella@scientiatqueusus.org

Documentazione a supporto

Scopri le Officine di usus

L’olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete

Il nome olivo gentile evidenzia la volontà di promuovere un nuovo modo di intendere e di praticare il ruolo economico e sociale delle ulivete, gentili con l’uomo perché in grado di fornirgli un alimento fondamentale per la nostra Dieta Mediterranea, ma anche occasioni di lavoro, di formazione, di socialità.

Basandosi su un approccio sistemico all’agricoltura sociale e alla gestione delle ulivete, il progetto intende valorizzarne il fondamentale ruolo paesaggistico, sociale e formativo, oltre che – naturalmente – economico. Questo molteplice obiettivo sarà raggiunto tramite l’ideazione e l’implementazione di una strategia di comunicazione generativa improntata al community building, ossia al coinvolgimento di un ampio numero di soggetti e di competenze nella realizzazione di attività trasversali e inter-settoriali caratterizzate dalla convergenza di interessi e dalla definizione di obiettivi comuni.

Scopri le altre Officine di scientia

COMUNICARE PER INNOVARE

La difficile relazione tra ricerca e impresa in ambito agricolo. Intervista ad Anna Vagnozzi

Con l’intervista ad Anna Vagnozzi ci occupiamo delle dinamiche comunicative nei processi di innovazione in agricoltura. Analizziamo l’evoluzione della relazione tra ricercatori e imprenditori e valutiamo quali possono essere i modi per rafforzarla. Come rendere ad esempio più efficace la “pubblicazione” delle  ricerche e sperimentazioni d’ambito più innovative (si pensi ai risultati ottenuti dai Gruppi Operativi). L’altro livello dell’analisi riguarda le caratteristiche del sistema della ‘consulenza’, in cui il nostro paese è in ritardo ma può darsi obiettivi ambiziosi. A partire dal riconoscimento del ruolo sempre più strategico dei comunicatori e delle loro specifiche competenze.

Consulta la sAu Library

“scientia Atque usus” si avvale di un sistema di gestione e sviluppo generativo di conoscenze: la sAu Library. 

Al suo interno confluiscono tutti i risultati dei progetti di ricerca che vedono direttamente coinvolti i ricercatori del Center for Generative Communication (CfGC) e i partner – afferenti al settore produttivo, alla ricerca, alle istituzioni, alle organizzazioni e al terzo settore – che ogni giorno lavorano gli uni al fianco degli altri per trovare soluzioni a bisogni ed esigenze reali

Nell’ottica di creare una comunità di pratiche e saperi, i ricercatori del CfGC hanno deciso di mettere a disposizione di chi ne avesse bisogno il catalogo delle risorse – riviste, testi, articoli scientifici, tesi di laurea, tesi di Dottorato, prodotti audio-visivi etc. – che costituiscono il cuore pulsante della sAu Library.

Segnalaci i progetti, gli argomenti e le problematiche sulle quali stai lavorando.

Provvederemo a cercare all’interno del catalogo della sAu Library le risorse – scritte, audio, video – che potrebbero aiutarti!

Come posso fare per accedere alla sAu Library?

È necessario seguire 3 semplici passaggi:

  1. Compila il form della sAu Library
  2. Riporta gli argomenti su cui stai lavorando e sui quali vorresti interrogare il catalogo della sAu Library
  3. Invia il form 

 

Cosa succede una volta inviato il form?

Sarai presto contattato/a tramite email o telefonicamente da un ricercatore del CfGC che, dopo aver consultato il catalogo della sAu Library, ti metterà in condizione di conoscere le risorse per te maggiormente utili.

 

Compila il form della sAu Library!

Per conoscere tutti i progetti clicca, accedi alla pagina www.scientiatqueusus.org/progetti